Asta pubblica
di abeti di risonanza e di altro legname di pregio
nella foresta demaniale di Paneveggio
Venerdì 8 marzo 2024, dalle ore 8.00 alle 17.00 ea
sabato 9 marzo 2024, dalle ore 8.00 alle 12.00a
presso la Stazione forestale di Paneveggio

La maggior parte del territorio Trentino è coperto da boschi ed il legno è una delle risorse naturali più abbondanti. Tra le varie essenze ve ne sono alcune di molto pregiate e tra queste spicca in particolare l’abete rosso di Paneveggio, famoso per il legno di risonanza della “foresta dei violini”. Informazioni di dettaglio su
www.legnotrentino.it
e su
www.forestedemaniali.provincia.tn.it.a
Scadenza. lunedì 11 marzo 2024, alle ore 11,00
GUARDA L'ASTA
 
PORTALEDELLEGNO 13 vendite di legname in scadenza

Abete rosso

Il peccio o abete rosso (Picea abies (L.) H.Kars, 1881) è un albero appartenente alla famiglia Pinaceae, ampiamente diffuso sulle Alpi, nonché nel resto d'Europa. In Trentino è l’albero più diffuso.

Il suo legno è tenero, leggero e facilmente lavorabile; è un buon legno da costruzione utilizzato principalmente per tetti, mobili, finestre e porte.

E’ un legno chiaro che cresce in zona alpina, gli alberi possono raggiungere i 60 metri d’altezza con diametro a petto d’uomo sino a 70-80 cm ed hanno fusti dritti e regolari e chioma conica relativamente stretta. Il portamento può comunque differenziarsi in base all'altitudine, essendo questa una specie caratterizzata da un certo polimorfismo: la chioma, infatti, può assumere una forma più espansa alle quote alpine più basse, mentre tende a divenire più stretta a quote maggiori (per contenere i danni provocati dalla neve). La corteccia è sottile e rossastra (da quest'ultima caratteristica deriva il nome comune dell'albero); con l'età diviene bruno-grigiastra e si divide in placche rotondeggianti o quasi rettangolari (di circa 1–2 cm). Le foglie sono costituite da aghi appuntiti, a sezione quadrangolare, lunghi fino a circa 2,5 cm, inseriti su cuscinetti in rilievo posti tutto intorno al rametto, con tendenza a disporsi su un piano orizzontale. I fiori, meglio indicati come sporofilli, maturano in aprile-maggio (Wikipedia)