Classificazione e assortimenti

CLASSIFICAZIONE E ASSORTIMENTI del legno tondo in provincia di Trento

Il legname grezzo (tondo) in Provincia di Trento viene commercializzato (venduto) sostanzialmente secondo due modalità principali:

LEGNAME IN PIEDI
TONDO A STRADA

A queste si è aggiunta abbastanza recentemente una terza modalità, intermedia alle due precedenti, e identificata come vendita in TONDO PRESUNTO.

LEGNAME IN PIEDI: Il proprietario (generalmente l’Ente pubblico) procede alla vendita del “lotto”, precedentemente identificato in bosco (martellato) dalla amministrazione forestale con progetto di taglio, ad un prezzo base stabilito quando ancora è in piedi nel bosco. L’acquirente organizzerà autonomamente il taglio delle piante o con manodopera propria o affidandolo a imprese specializzate.

TONDO A STRADA: consiste nella vendita in catasta del legname. In questo caso il proprietario ha provveduto direttamente alla organizzazione delle operazioni di taglio fino a rendere disponibile il legname al trasporto con automezzi specifici in appositi piazzali di concentramento o a bordo strada forestale.

TONDO PRESUNTO: si tratta della vendita del legname prima delle operazioni di taglio e accatastamento e quindi di un volume e di una assortimentazione presunti. Al momento della vendita il legname è ancora in piedi nel bosco. Successivamente alla aggiudicazione il venditore si impegna alla fornitura, entro una certa data, del quantitativo concordato “a piazzale o su strada camionabile”.

ASSORTIMENTI

La denominazione e la definizione degli assortimenti legnosi tondi è contenuta nella “Raccolta provinciale degli usi” attualmente in fase di aggiornamento. Nell’ambito della commercializzazione attuata con il Progetto Legno sono state adottate e identificate da un codice, le seguenti denominazioni degli assortimenti:
  • Tronchi da sega
  • Bottoli
  • Legname da travatura
  • Assortimento unico
  • Legname da imballaggio
  • Punte e scarti
  • Paleria
  • Sottomisure
  • Legname da travatura e da sega
  • Legname da sega e da travatura

1. Tronchi da sega.Sinonimi: Bore, Tondoni, Toppi, Toppi da sega.
Sotto questa denominazione vengono identificati i lotti composti da tronchi di lunghezza utile 4,00 m e diametro medio minimo 18-20 cm.
Si tratta di pezzature variabili che dipendono dalla composizione diametrica delle piante tagliate ed anche dalla scelte effettuate per tradizione dagli Enti proprietari. In genere sono tronchi sufficientemente o perfettamente cilindrici, la cui struttura della fibra legnosa li rende idonei alla segagione.

2. Bottoli. Sinonimi: legna scelta, bottolame, cortame.
Questo tipo di assortimento è costituito in prevalenza dalla parte basale dei fusti  e risponde a precisi criteri di mercato in quanto la separazione di questa parte del tronco, notoriamente soggetta a particolari tensioni, dal materiale idoneo a produrre assortimenti da sega o travatura, consente di togliere da questi assortimenti di pregio, parti potenzialmente difettose che potrebbero causarne il deprezzamento.
Questo assortimento viene commercializzato in lunghezze limitate che variano dai m 2,20 ai m 3,50 e sempre più spesso da m 2,40 o 2,50.

3. Legname da travatura. Sinonimi: travatura, bordonali, piane.
Assortimento costituito da tronchi lunghi da 5,00 m in avanti e con diametro di dimensione idonea a ricavarne travatura (diametro medio uguale o superiore a 25 cm).

4. Assortimento unico. Sinonimi: assortimento unico, tombante.
Si identifica tutto il legname non classificabile come tronchi da sega o travatura. In genere deriva dall’inserimento in una unica catasta di tutto il materiale esboscato senza procedere ad ulteriori selezioni.

5. Legname da imballaggio. Sinonimi: tasti, trusi, robusti, bottoli, legna da opera, opera.
Si tratta di legname destinato alla produzione di imballaggi per la quale sono tollerati anche difetti o qualità inferiore rispetto ai tronchi da sega. Sotto l’aspetto dimensionale del materiale legnoso attribuito a questo tipo di assortimento, si sono sempre più diffuse ed apprezzate le misure che siano multipli di m 1,20 e in particolare i 2,40 i 4,80 o i 6,00 metri.

6. Punte e scarti. Sinonimi: zochi, punte e scarti.
E’ il legname, di lunghezze varie, che non è compreso nelle categorie di imballaggio o cartiera e che può essere soggetto ad ulteriori parziali lavorazioni.

7. Paleria. Sinonimi: paleria, stangame, tondelli, antenne
Legname di lunghezza minima 4 metri, diritto, poco nodoso, di diametro medio al massimo di cm 20/23.

8. Sottomisure. Sinonimi: Tondelli, travetti.
E’ il legname, analogo per qualità ai tronchi da sega, di 4 metri di lunghezza e con diametro medio compreso tra i 14 e i 17 cm e mai inferiore a cm 12 in punta.

9. Legname da sega e travatura e

10. Legname da Travatura e da sega
Sono cataste di legname che comprendono entrambi gli assortimenti, da sega e da travatura, in proporzioni diverse.

Recentemente (2006) al fine di razionalizzare la classificazione del legname tondo di resinose, è stata elaborata una procedura ispirata a standard centro europei a seguito di una collaborazione tra Servizio Foreste della Provincia Autonoma di Trento e l’Istituto per la Valorizzazione del Legno e delle Specie Arboree.

Lo studio ha portato alla stesura di un manuale per la classificazione visuale qualitativa del legno tondo di abete rosso, abete bianco e larice nota sotto il nome “regola PAT – CNR”. Con questo sistema vengono identificate quattro classi (A, B, C, D)  in considerazione della presenza o assenza di difetti relativamente a numerosi parametri che caratterizzano i tronchi (colore , nodi, accrescimento … ecc.)

Scarica il Manuale per la classificazione del legno tondo »

Raccolta provinciale degli usi _ Prodotti della silvicoltura »

Raccolta provinciale degli usi - testo completo »